IL DECALOGO DELLA GUAINA PROTETIVVA DETTA MAPELASTIC.

Negli ultimi anni questo tipo di materiale sta’ assumendo un’ uso sempre più esponenziale. le caratteristiche di questo guaina bicomponente sono davvero molteplici essa infatti se posata con tutte le cautele del caso da maestranze all’ altezza, è in grado di proteggere da infiltrazioni d’ acqua.

MA NON SOLO ESSA SU TUTTI I PAVIMENTI ESTERNI PERMETTE DI NON FAR MAI DETERIORARE LA CALDANA. Questa che può sembrare un dettaglio da poco permette di durare in eterno spesso al contrario ci si dimentica di posare farla la suddetta membrana e dopo qualche anno la caldana marcisce e anche la colla con la piastrella perde l’ aderenza. risultato le piastrelle si staccano e bisogna rifare il lavoro di nuovo. Ne valeva la pena?

Infatti ormai nelle docce è quasi d’ obbligo l’ uso di questo materiale. esso protegge sulla parete verticale il muro dalla piasterella evitando pericolose perdite che andrebbero a bagnare il muro

Inoltre questa membrana viene applicata anche negli esterni

Vediamo adesso la perfetta metodologia per la posa perfetta della membrana mapelastic

  1. LA MISCELAZIONE MEDIANTE TRAPANO APPOSITO: La miscelazione di questo impasto non deve essere lasciata al caso ma deve rispettare come al solito le schede tecniche come spiego sempre. e soprattutto necessita dell’ uso di un miscelatore professionale con frusta elicoidale in modo da non surriscaldare eccessivamente il composto facendolo mischiare in maniera possibilmente lento ps sia i quantitativi di lattice devono corrispondere al rapporto di polvere
  2. L’UTILIZZO DOVE NECESSARIO DI RETE FIBRA DI VETRO: ove necessario tipo negli esterni audor al fine di rendere più :resistente, compatto ,tutta la membrana evitando cosi possibili strappi. ps la rete in fibra deve essere posata tra la prima e la seconda mano in modo da aumentare la presa e avere la posa perfetta .
  3. UTILIZZO DI APPOSITA BANDELLA ALLE ESTREMITA’: queste bandelle sono fatti a l composti da poliuretano finissimo. Hanno appunto la funzione di evitare lo strappo tra la parete verticale da quella orizzontale essa deve essere posata almeno un ‘m ora prima della posa del mapelastic mediante l’ ausilio di colla
  4. DEVE ESSERE INTERPRETATA COME SICUREZZA NON COME LA SOLUZIONE: cosa non indifferente è un errore che viene spesso mal interpretato dalle ditte allo sbaraglio
  5. UNA SOLA PASSATA: la stesura deve essere eseguita da una persona esperta perché necessita di una sola passata.se per qualche motivo l’ operatore volesse ripassare dopo un minuto essa si straccerebbe
  6. STESURA MEDIANTE SPATOLA E NON PENNELLO:ormai ho visto di tutto!spesso i dilettanti si prodigano in tentativi mal riusciti stendendo la guaina mediante pennellate aggiungendo molto più lattice del dovuto e spennellando. Peccato che cosi perda le sue caratteristiche per la quale è nato.
  7. FARE ATTENZIONE AI TEMPI DI ASCIUGATURA. una delle cose che pochi sanno e che è ben scritta sulle schede tecniche tempi di asciugatura. infatti generalmente si va da marca a marca bisogna aspettare almeno 3/4 giorni in media al fine di avere il top di prestazione dalla guaina protettiva.
  8. MAI MISCHIARE UNA MARCA CON UN’ ALTRA .Esso finirebbe per sconvolgere la conformazione chimica degli elementi vanificando la primaria funzione per la quale è stata inventata e posata.

Riassumendo in tutti gli spazi esterni sulla quale andranno posate piastrelle pietre o quant’ altro sarà inevitabile una stesura di guaina protettiva la quale avrà proprio la prerogativa di non fare marcire la caldana e perseverare la vostra pavimentazione in eterno

Spero di esservi stato utile a risentirci da Cantamesse Alberto