ECOLOGIA NEL CANTIERE !LA PAROLA D’ ORDINE PER LE RISTRUTTURAZIONI DEL FUTURO

 

Sempre più spesso nei cantieri si parla di green economi, risparmio energetico, materiali ad impatto 0. Purtroppo più se ne parla, più mi rendo conto che mancano la conoscenza e la consapevolezza  di quanto si dice.

Noto con mio grande disappunto, che le suddette tematiche rispecchiano una moda! manca completamente la conoscenza del cantiere, per poterne parlare con cognizione di causa. Si cerca di cavalcare l’ onda emotiva per accaparrarsi commesse .

Pertanto cerchiamo di fare ordine nella tematica del risparmio di risorse e energie soprattutto se inteso in campo cantieristico quantomeno per la filosofia e come la intendiamo noi della CANTAMESSESAS.

Risparmiare risorse vuol dire economicizzare al massimo le energie e i materiali. Sia per quanto concerne la metodologia costruttiva che per il risparmio energetico .

Analizziamo ora nella fattispecie la voce appena elencata METODOLOGIA COSTRUTTIVA

Ossia come è stata svolta la ristrutturazione o recupero conservativo dell’ immobile, al fine di poter ottenere il top dal punto di vista dell’ essere green o ecologici che dir si voglia

  1. MENO MATERIALE? E’ MEGLIO!: questa potrebbe essere una voce difficilmente interpretabile, ma di grande interesse.Se però applicata in maniera corretta dalle persone competenti.

Spesso mi accorgo nei cantieri che si spreca molto più materiale di quello che ne occorra veramente. Con la conseguenza ovvia di materiale utilizzato per il niente , inoltre una spesa aggiuntiva per l’ imprenditore e il propietario dell’ abitazione.Vi faccio alcuni piccolissimi esempi ma potrei farne fino a natale 2030.

Se le scanalature per gli impianti elettrici venissero eseguite con l’ apposita scanalatrice come facciamo noi alla CANTAMESSESAS. Al contrario  viene eseguita con il demolitore elettrico comportandone di eseguire tracce nei muri molto più grosse di quanto necessario per la posa del corrugato. conseguenza più macerie da trasportare alle apposite discariche competenti, e maggiore utilizzo di malta bastarda per riempire le tracce stesse.Risultato immagine per scanalatrice elettrica immagini

Questo è uno spreco di cemento Sabbia vagliata energia e quant’ altro.

  1. CAPPOTTO TERMICO : senza alcun dubbio una delle voci più rilevanti per quanto riguarda il RISPARMIO ENERGETICO è il rivestimento dei muri con materiali che riducono le dispersioni di calore. Esso infatti permette, se eseguito con le giuste tecniche il materiale idoneo di diminuire le emissioni di gradi d’ inverno e dover raffrescare in estate.Risultato immagine per cappoto termico casa immagini

 

  1. DOMOTICA SI: non si fa che parlare di tecnologia che semplifica la vita, ma noto che spesso anche nei nuovi riqualificazioni edilizie non viene apportato l’ uso degli strumenti innovativi per i risparmi energetici. Chi se non la tecnologia, ci può aiutare in questo momento storico, soprattutto dove gli Smart phon la fanno da padrone per condizionare le energie in modo più efficace possibile. Per quanto riguarda l’ efficienza energetica e il nostro confort abitativo ci può aiutare nella diminuzione degli sprechi soprattutto quelli del riscaldamento.

 

  1. RISCALDAMENTO A PAVIMENTO SI! MA CON I GIUSTI ACCORGIMENTI. Se questa pratica della pratica del riscaldamento a pavimento si riesce a diminire gli sprechi sulla bolletta metano anche del 30%.Risultato immagine per riscaldamento a apvimento immagini
  2. RICICLO DEGLI SCARTI: quante volte mi è capitato di non gettare ma di accatastare faccio un esempio perline di tetto in eccesso fornite dalla segheria in più. Dopo circa 5 tetti sono stato in grado di fare un patio a Grumellina  Bergamo .se le avessi bruciate o portate alla discarica una pianta sarebbe stata abbattuta per la commessa del patio. Ho fatto anche io il mio dovere ecologico cosa ne pensate.Risultato immagine per impianti di riciclaggio rifiuti
  1. MATERIALI LOCALI:L ‘ utilizzo dei materiali quantomeno non troppo distanti dal luogo dove verranno utilizzate. è la cosa principe per identificare un recupero conservativo green. Ovviamente il km 0 in edilizia è difficile da ottenere ma dobbiamo concentrarci nel far girare le merci il meno possibile ovviamente se gli stessi hanno le stesse caratteristiche di quelle lontane

Spero di esservi stato utile da cantamesse alberto a risentirci